Guida all'allenamento, diete e tecnica. Ciclismo, corsa, mtb ecc...

home page ciclopiemonte
Home Page
guida allenamento
Guida Allenamento
Alimentazione dello sportivo
Alimentazione
Medicina Sportiva
Medicina Sportiva
tecnica bici
Tecnica Ciclismo
Bici
Scrivici
 
Calcolatori :
misure telaio
Misura Bicicletta
misure telaio
Indice massa corporea (IMC)
metabolismo basale
Metabolismo basale (BMR)
Conteggio calorie
Conta Calorie

Home Page Tecnica bici Misure bici

Altezza e avanzamento sella

Come influisce la posizione sulla forza del ciclista

Lo sport ciclistico è passato in quest'ultimi anni da uno sport di resistenza puro verso uno sport che richiede il mantenimento di una forza ottimale.
Negli anni quaranta e cinquanta, si utilizzavano rapporti di 49 x 17 mentre attualmente vengono montati 53 x 11, o più.
Per potere pedalare con questa velocità per una lunga durata, è importante che la forza fornita sia anche utilizzata in modo vantaggioso..

Allo scopo di massimizzare la forza di spinta sui pedali occorre determinare una posizione sulla bicicletta che permetta al ciclista di fornire il tasso di forza utile più elevato possibile.
Solo la forza che si esercita verticalmente sulla pedivella è utile. Quando il pedale si trova ai punti morti inferiore o superiore, la forza utile fornita è praticamente nulla.
Ciò significa in particolare che se la pedivella è a 90 gradi (leva massima), la bicicletta deve essere regolata in modo che la forza sia applicata esattamente ad angolo diritto sulla pedivella.
La messa a punto della posizione della sella svolge un ruolo fondamentale in materia.
Se la sella è troppo arretrata, si ottiene una posizione di pedalata dispersiva in avanti.
Se l'arretramento di sella è troppo scarso, il pedale si trova viceversa a spingere indietro.
La freccia blu indica la forza esercitata, la freccia verde la forza efficace e la freccia rossa la perdita di forza

spinta sui pedali
Sella Ok
Sella indietro
Sella avanti

Riguardo l'altezza della sella va da sé che la posizione più efficace e la posizione che permette di fornire maggiore forza non coincidono necessariamente. Il punto ottimale tra queste due dimensioni è ancora oggetto di studi. È probabile che questo punto vari in funzione del tipo di utilizzo e del tipo di corridore. Per una corsa di molti giorni, si cerca di trovare la posizione più efficace, mentre si porta un'attenzione più grande alla forza nel caso di una corsa contro il cronometro.

I corridori che hanno muscoli composti da fibre a contrazione lenta opteranno per la forza, mentre quelli aventi proporzionalmente molti muscoli a contrazione rapida preferiranno l'elasticità.

Alcune conclusioni possono tuttavia essere tratte della pratica. Si può dire in generale che se si aumenta l'altezza della sella, si aumenta la possibilità di sviluppare una forza. Quest'aumento è realizzato tuttavia a spese della velocità del movimento (frequenza di pedalata), che a sua volta determina il grado d'efficacia del ciclista.
Una posizione di sella elevata può dunque essere utilizzata soltanto durante sforzi relativamente brevi che esigono molta forza, ad esempio il ciclocross, la MTB e le corsa a cronometro.
Una posizione di sella elevata porta generalmente ad utilizzare rapporti più grandi, cosa che può provocare anche dei problemi a lungo termine. Una conclusione simile può essere fatta a proposito della lunghezza della pedivella. Pedivelle più lunghe forniscono più forza, ma diminuiscono il numero di pedalate al minuto.
Per il momento, la massimizzazione della forza resterà una questione di prove e di errori, dove l'aspetto biomeccanico si accompagna anche ad una prevenzione degli infortuni e dei sovraccarichi.

Il pignone ellittico è stato sviluppato negli studi in cui si cerca di portare al massimo per quanto possibile la forza del ciclista. Lo scopo di questi pignoni ellittici era di aumentare la velocità angolare della pedivella neii punti morti inferiori e superiori ad una velocità di pedalata costante. Le parti del ciclo della pedalata durante le quali la forza fornita è poco efficace sono così più brevi. L'utilità di questi pignoni mai non ha tuttavia potuto essere dimostrata e non sono più utilizzati nelle competizioni.
Il coordinamento dei muscoli svolge probabilmente un ruolo importante in questo quadro: i corridori preferiscono un movimento di pedale circolare e regolare.