Guida all'allenamento, diete e tecnica. Ciclismo, corsa, mtb ecc...

home page ciclopiemonte
Home Page
guida allenamento
Guida Allenamento
Alimentazione dello sportivo
Alimentazione
Medicina Sportiva
Medicina Sportiva
tecnica bici
Tecnica Ciclismo
Bici
Scrivici
 
Calcolatori :
misure telaio
Misura Bicicletta
misure telaio
Indice massa corporea (IMC)
metabolismo basale
Metabolismo basale (BMR)
Conteggio calorie
Conta Calorie

Home Page Medicina sportiva Doping

Cosa vuol dire doping

Breve introduzione sull'argomento

doping-nel-ciclismo

Quando si dice doping si pensa al Giro della Francia, all'atletica, ed in modo generale, a sportivi di alto livello. Tuttavia il doping tocca anche i dilettanti e peggio ancora gli amatori o semplici praticanti.

Secondo un'indagine della commissione europea, pubblicata nel maggio 2002, e realizzata in Belgio, in Germania, in Italia ed in Portogallo, il 6% dei dilettanti che frequentano le palestre riconoscono di utilizzare regolarmente prodotti per migliorare le loro prestazioni.
I consumatori sono più spesso coloro che frequentano più assiduamente le palestre. Secondo la commissione europea, ciò conferma i risultati di studi precedenti che mostrano il forte tasso di utilizzo del doping nei body builders, il cui unico scopo è di aumentare la massa muscolare.

Ma riassumere l'uso del doping al body-building sarebbe un po'breve. Il doping è ormai un fenomeno di società. Il ricorso a sostanze, medicine per migliorare le proprie prestazioni è entrato nel costume di diversi sport. E il confine tra doping e integratori alimentari è divenuto via via più sottile, basti pensare alla tanto discussa creatina il cui uso è stato sottoposto all'attenzione della stessa magistratura con l'indagine a carico della juventus.

Per fare chiarezza in questo bazar immenso, la commissione europea raccomanda varie misure: un'etichettatura adeguata dei prodotti affinché gli utenti siano coscienti dei pericoli del doping, la presa di contatto dei pubblici poteri con i responsabili dei motori di ricerca per rendere più difficile l'acquisto dei prodotti dopanti online ed un lavoro enorme d'informazione per rallentare presso gli sportivi dilettanti il ricorso ai complementi alimentari.

Le sostanze su cui si discute più spesso sono molte, vediamone alcune
La mariuana: la cannabis agisce sul sistema nervoso centrale e contribuisce a lenire i sintomi del dolore, quindi dello sforzo fisico.
I corticoidi: diminuiscono il dolore e causano un'euforia leggera che spinge a superare i propri limiti e continuare senza eccessiva fatica l'allenamento o gara. Ma il suo utilizzo indebolisce tendini e muscoli, e causa disordini cardiovascolari ed ulcere;

Gli anabolizzanti: aumentano la massa muscolare e l'aggressività. Perturbano la libido, sono all'origine di molte complicazioni epatiche e possono causare problemi cardiaci;
L'EPO: difficile da trovare l'EPO è chiaramente utilizzata negli sport di fatica per rendere più 'ricco' il sangue. Se l'utilizzo da parte di numerosi professionisti, in particolare nel ciclismo, è stato scoperto, questa sostanza circola anche presso gli sportivi dilettanti di alto livello. Aumentando i globuli rossi, l'EPO migliora le prestazioni ma il cuore e le articolazioni possono ovviamente sovraffaticarsi;

L'ormone della crescita: favorisce una diminuzione della massa grassa ed agisce sui muscolo, in modo simile agli anabolizzanti. Crea disordini glicemici e favorisce un aumento della dimensione del mento, delle mani e dei piedi.