Guida all'allenamento, diete e tecnica. Ciclismo, corsa, mtb ecc...

home page ciclopiemonte
Home Page
guida allenamento
Guida Allenamento
Alimentazione dello sportivo
Alimentazione
Medicina Sportiva
Medicina Sportiva
tecnica bici
Tecnica Ciclismo
Bici
Scrivici
 
Calcolatori :
misure telaio
Misura Bicicletta
misure telaio
Indice massa corporea (IMC)
metabolismo basale
Metabolismo basale (BMR)
Conteggio calorie
Conta Calorie

Dieta dissociata : i benefici, il menu per una settimana e le ricette

La dieta dissociata è stata inventata dal dottore William Howard, un americano che nei primi anni del '900 decise di individuare tutti quei cibi che risultano esser dannosi per l'organismo se assunti insieme.

dieta dissociata i benefici il menu per una settimana e ricette
Dieta dissociata i benefici il menu per una settimana e ricette

Qual è lo scopo della dieta dissociata?

La dieta dissociata o " Hay diet o food combing " ha come scopo quello di evitare di associare i carboidrati con le proteine all'interno dello stesso pasto, in modo tale da poter evitare qualsiasi rallentamento della fase di digestione.

E' da sapere che le proteine, una volta che vengono ingerite, subiscono un processo di scissione e vengono poi metabolizzate all'interno dello stomaco grazie alla pepsina che è un enzima che viene attivato dall'acido cloridrico che viene poi successivamente rilasciato all'interno dell'organo gastrico. I carboidrati subiscono invece un processo di metabolizzazione all'interno di un ambiente basico ma la vera prima digestione inizia quando il cibo viene messo all'interno della bocca e viene attaccato dall'enzima ptialina che effettua la scissione delle varie molecole d'amido contenute all'interno del cibo, per poter poi permettere all'organismo di concludere il processo di digestione all'interno dell'intestino.

Quali sono le regole che stanno alla base della dieta dissociata?

Per poter seguire al meglio la dieta dissociata è necessario evitare di consumare carboidrati nello stesso pasto assieme ai frutti acidi ed alle proteine, è bene cercare inoltre di limitare il consumo dei grassi ed anche dell'amido e delle proteine. Un'altra buona regola è quella di cercare di dare la precedenza ai cibi che hanno una base formata da farine integrali, cercando invece di non mangiare quei cibi a base di farna bianca, di margarina e di zucchero. Una buona abitudine inoltre è quella di consumare in modo abituale molta verdura ed anche frutta, ricordandosi di aspettare almeno quattro ore tra il pasto precedente e quello successivo. Per seguire al meglio la dieta dissociata è bene non consumare, all'interno dello stesso pasto, carne con uova, latte con le uova oppure persce con la carne, inoltre è bene mangiare separatamente la frutta ed anche lontana dai pasti.

Posso dimagrire con la dieta dissociata?
Non è propriamente corretto affermare che con la dieta dissociata si possono avere dei veri benefici sulla perdita del peso ma va detto che questo regime alimentare viene suggerito spesso anche dai nutrizionisti per poter disintossicare il proprio organismo (vedi anche Combattere radicali liberi e stress)in modo tale da poter regolare al meglio il metabolismo. Con la regolarizzazione dell'organismo si può anche favorire il dimagrimento anche seguendo un'alimentazione bilanciata, la dieta dissociata prevede infatti la consumazione di pasti che siano unici ed uniti ad un contorno di verdure che possono essere sia cotte che crude, ricordandosi sempre di evitare di ingerire i carboidrati raffinati.

Potrebbe interessarti : L'importanza di un dietologo

Qual è un esempio di una dieta dissociata prevista per una settimana?
Nella versione classica della dieta dissociata si prevede mediamente il consumo di un alimento, per esempio il lunedì si dovrebbe mangiare solamente carne, il martedì solo verdure, per il mercoledì si dovrebbero mangiare solo i latticini, il giovedì solo la frutta, il venerdì solamente pesce, il sabato solamente il formahhio oppure la domenica solamente uova. In questo modo si evita di appesantire l'organismo, evitando il dannoso mix tra amidi e proteine, ma vediamo nel dettaglio come dovrebbe essere un menù settimanale:

Lunedì

Colazione: una tazza di latte di soia;
Pranzo: un piatto di riso integrale con verdure a scelta
Cena: un piatto di pollo alla piastra con verdure cotte o crude
Martedì
Colazione: un uovo alla coque,caffè d'orzo con mezzo cucchiaino di fruttosio
Pranzo: un piatto di patate lesse con prezzemolo, aglio ed insalata
Cena: un piatto di salmone al forno assieme ad un contorno di pomodori
Mercoledì
Colazione: un piatto di affettato di tacchino arrosto assieme ad una tazza di latte vegetale
Pranzo: un piatto di polenta con biete cotte al vapore
Cena: un piatto con una fetta di vitello cotto alla piastra, contorno carote cotte al vapore
Giovedì
Colazione: 2 uova strapazzate e caffè d'orzo
Pranzo: un piatto di pasta integrale con peperoni arrosto
Cena: un piatto di merluzzo con porri
Venerdì
Colazione: frutta fresca e da bere del latte vegetale
Pranzo: un piatto di riso allo zafferano e radicchio
Cena: seitan con zucchine
Sabato
Colazione: latte vegetale con frutta fresca
Pranzo: un piatto di patate al forno con indivia belga
Cena: tofu alla piastra con verdure cotte al vapore
Domenica
Colazione: un piatto di affettato di tacchino arrosto con del latte vegetale
Pranzo: un piatto di grano saraceno con broccoli
Cena: una mozzarella light da 100 gr. assieme all'insalata verde


Leggi anche : La dieta dissociata nello sport

Ci sono delle ricette specifiche?

Seitan con verdure saltate
Ingredienti:
1 confezione seitan al naturale precotto;
zucchine tagliate a dadini;
semi di sesamo;
alghe in polvere;
salsa di soia
Preparazione
All'interno di una piccola padella antiaderente versare un filo d'olio e fate saltare le zucchine assieme al seitan che dev'esser tagliato a listarelle. Quando le zucchine saranno ammorbidite, aggiungete i semi di sesamo con le alghe in polvere e procedete con la tostatura, per qualche minuto, alla fine aggiungete la salsa di soia e servite caldo.

Crepes con affettato di tacchino
Ingredienti:
2 uova;
125gr formaggio spalmabile light;
sale marino integrale;
noce moscata;
affettato di tacchino;
burro di soia
Preparazione:
All'interno di una ciotolina sbattere le uova assieme al formaggio spalmabile, aggiungere il sale con la noce moscata. Utilizzando la frusta a mano lavorate il tutto fino ad ottenere un composto del tutto omogeneo, procedere versando un filo d'olio in una padella antiaderente il burro di soia e appena esso è caldo, versare un mestolo del composto della uova al centro della padella e far rapprendere la frittata, una volta cotta da un lato, evitando che essa bruci, giratela nell'altro e toglietela dal fuoco, procedere poi con la preparazione delle altre crepes. Una volta che si raffredda lievemente una crepes si procede nel farcirla con l'affetato di tacchino oppure se invece si preferisce una versione più dolce è possibile mettergli dello sciroppo d'acero all'interno oppure tra una crepes e l'altra che andrà sovrapposta, creando quindi un innovativo pancakes.