Guida all'allenamento, diete e tecnica. Ciclismo, corsa, mtb ecc...

home page ciclopiemonte
Home Page
guida allenamento
Guida Allenamento
Alimentazione dello sportivo
Alimentazione
Medicina Sportiva
Medicina Sportiva
tecnica bici
Tecnica Ciclismo
Bici
Scrivici
 
Calcolatori :
misure telaio
Misura Bicicletta
misure telaio
Indice massa corporea (IMC)
metabolismo basale
Metabolismo basale (BMR)
Conteggio calorie
Conta Calorie

Home Page Medicina sportiva Doping

Effetti e pericoli dei prodotti dopanti

Depressione, rischio di dipendenza, debolezza, problemi sessuali ecc...

agenzia-wada

*Gli stimolanti
Le anfetamine, la cocaina, la caffeina, l'efedrina ed i prodotti derivati sono i più utilizzati. Gli stimolanti sono consumati per aumentare la concentrazione e l'attenzione e ridurre la sensazione di stanchezza. Aumentano l'aggressività e fanno perdere del peso. Questi prodotti intervengono sul sistema cardiovascolare e neurologico. Il loro consumo può comportare disordini psichiatrici. Il superamento della soglia fisiologica della stanchezza esercitata dall'impiego di queste sostanze può causare stati di debolezza che può andare fino all'esaurimento, o in casi estremi fino alla morte.

*Gli agenti anabolizzanti
Per la maggior parte, sono derivati dal testosterone, l'ormone sessuale maschile. Questi prodotti (nandrolone, stanozolol, etc.) sviluppano i tessuti dell'organismo: i muscoli, il sangue... Permettono di aumentare la forza, la potenza, la resistenza, l'aggressività, la velocità di recupero. Alcuni agenti anabolizzanti diminuiscono i dolori, in particolare quelli articolari. Secondo la quantità consumata, questi prodotti causano in particolare tendiniti, acne , mal di testa, sanguinamento del naso, strappi muscolari, disordini del fegato, nei casi più gravi cancri e disordini cardiovascolari che possono comportare il decesso. Gli agenti anabolizzanti possono comportare una dipendenza fisica.

*I corticosteroidi
Queste sostanze antifatica hanno un'azione psicostimolante ed anti-infiammatoria. Aumentano la tolleranza al dolore e permettono di proseguire uno sforzo che sarebbe insopportabile in condizioni normali. Il consumo di corticosteroidi comporta in particolare una fragilità dei tendini, degli strappi muscolari, delle infezioni locali e generali. I sintomi vanno dalla semplice stanchezza cronica con una caduta delle prestazioni, ad una debolezza cardiovascolare che può condurre nei casi più gravi al decesso. I corticosteroidi possono comportare una dipendenza fisica.

*Le droghe
Queste sostanze assopiscono e diminuiscono la sensibilità. Sono utilizzate per eliminare o attenuare la sensibilità al dolore, e causare un'impressione di benessere. Comportano effetti nocivi: rischi di depressione , crisi respiratorie, d'assuefazione e di dipendenza fisica, diminuzione della concentrazione e della capacità di coordinamento.

*I betabloccanti
Queste medicine controllano e rallentano il ritmo della frequenza cardiaca. Permettono una diminuzione dei battiti ed hanno anche un effetto antistress. Fra i loro effetti nocivi, si nota un'impressione di stanchezza cronica, cali della pressione arteriosa, crampi muscolari, rischio di depressione psichica ed impotenza sessuale in caso d'utilizzo abituale e ripetuto.


Categorie : Problemi