Guida all'allenamento, diete e tecnica. Ciclismo, corsa, mtb ecc...

home page ciclopiemonte
Home Page
guida allenamento
Guida Allenamento
Alimentazione dello sportivo
Alimentazione
Medicina Sportiva
Medicina Sportiva
tecnica bici
Tecnica Ciclismo
Bici
Scrivici
 
Calcolatori :
misure telaio
Misura Bicicletta
misure telaio
Indice massa corporea (IMC)
metabolismo basale
Metabolismo basale (BMR)
Conteggio calorie
Conta Calorie

Home Page Medicina sportiva Schiena

Ernia a disco

Principi generali su questa causa del mal di schiena

ernia-disco

Il mal di schiena è una delle patologie più ricorrenti al giorno d'oggi e l'ernia discale ne è una delle cause. Quest'affezione dei dischi intervertebrali è caratterizzata generalmente da una lombaggine o una sciatica. Spesso all'origine di dolori lombari, accompagnati o meno da sciatica, l'ernia a disco è responsabile del 2% dei mal di schiena.

Il colpevole principale: un disco intervertebrale consumato: L'ernia a disco è una malattia legata allo spostamento di uno dei dischi intervertebrali. La nostra colonna vertebrale è costituita da 24 vertebre di cui 7 cervicali, 12 dorsali e 5 lombari. Tra ciascuna di esse trova posto un disco intervertebrale, che funge da una specie di cuscinetto ammortizzante. Questo disco è composto da due elementi: un nucleo centrale circondato da un anello fibroso che attacca le due vertebre una all'altra. Se l'anello si rovina, la parte polposa del nucleo sporge in fuori dalla colonna vertebrale: questa deformazione viene chiamata 'ernia a disco'. Questo sconfinamento del disco intervertebrale può allora causare la compressione di una radice nervosa o del midollo spinale. L'ernia a disco riguarda più spesso gli uomini che le donne. Si verifica generalmente tra i 35 ed i 55 anni in seguito all'usura, al sollevamento di un carico pesante o anche dopo una torsione brusca del tronco. La gravidanza ed il peso eccessivo sono anche fattori di rischio.

La predisposizione genetica è molto spesso all'origine dei casi precoci, fin dall'età di 20 anni.
Le manifestazioni dell'ernia discale sono molto variabili da un paziente all'altro. A volte asintomatico, è caratterizzata generalmente da dolori acuti. Questi dolori sono spesso concentrati nella parte bassa della schiena, poiché il 95% delle ernie a disco è situato al livello delle vertebre lombari. I sintomi classici sono dunque un mal di schiena o lombaggine. Se il disco comprime la radice nervosa, si parla di nevralgia sciatica.

L'85% delle sciatiche deriva da un'ernia discale. I dolori si estendono allora alla natica, la coscia e la gamba, con una sensazione di formicolio ed a volte una paralisi. Nei casi più difficilo viene compresso il midollo spinale che causa così una paralisi. Occorre in questo caso consultare un medico con una certa urgenza. Il paziente consulta generalmente il suo medico quando i dolori alla schiena si intensificano. Durante la visita, il medico interroga il paziente sulla frequenza, l'intensità e la localizzazione dei dolori. L'esame clinico è in seguito completato da una radiografia del rachide sufficiente per definire la diagnosi. Ma se il medico dubita, può proporre una risonanza magnetica, che permette di visualizzare l'ernia con maggior precisione.