Guida all'allenamento, diete e tecnica. Ciclismo, corsa, mtb ecc...

home page ciclopiemonte
Home Page
guida allenamento
Guida Allenamento
Alimentazione dello sportivo
Alimentazione
Medicina Sportiva
Medicina Sportiva
tecnica bici
Tecnica Ciclismo
Bici
Scrivici
 
Calcolatori :
misure telaio
Misura Bicicletta
misure telaio
Indice massa corporea (IMC)
metabolismo basale
Metabolismo basale (BMR)
Conteggio calorie
Conta Calorie

Home Page Alimentazione Dieta e dimagrimento

Raccomandazioni generali

Alcune regole per perdere peso

perdere peso

In materia di sovrappeso ed obesità, una cosa è chiara: gli interventi mirati al dimagrimento non devono assolutamente essere vissuti come privazione.

Le diete dimagranti possono condurre ad un circolo vizioso. Dopo un certo periodo di privazione, si perde del peso, ma segue spesso un periodo d'abuso alimentare causato dalla frustrazione.

Questi eccessi generano una sensazione di fallimento, cosa che può complicare considerevolmente il problema del sovrappeso. È il motivo per cui i regimi alimentari per il controllo del peso devono evitare, a tutti i costi, la privazione e riguardare soltanto cambiamenti permanenti negli stili di vita. Ecco dunque alcune raccomandazioni a proposito di nuove pratiche da realizzare nel quotidiano e delle abitudini da sviluppare. Questo anche prima di intraprendere cambiamenti alimentari.

Riconoscere la vera fame è la più importante delle nuove abitudini e consiste nell'apprendere ad ascoltare i segnali del proprio organismo. Normalmente, il corpo sa la quantità di prodotti alimentari di cui ha bisogno. C'è infatti una vera necessità fisiologica, che si manifesta con contrazioni nello stomaco, una perdita lieve di concentrazione ed un ribasso lieve dell'energia. Questo accade generalmente da quattro a sei ore dopo un pasto equilibrato.

La fame eccessiva, se si attende troppo prima di mangiare, o se il pasto precedente non era equilibrato, si manifesta con grade debolezza, grande stanchezza, mal di stomaco, ecc. questi sintomi sgradevoli sono assolutamente da evitare, poiché c' è allora un meccanismo di sopravvivenza che si mette in moto. Si tende così a mangiare troppo, troppo rapidamente e senza badare a cose.

La falsa fame
Può darsi che, senza avere nessuna fame, si abbia una voglia forte di mangiare: perché ci si annoia, perché si è giù di tono o o tristi, perchè è il solo piacere del giorno, che fa stare bene.
Succede spesso che si mangia per ragioni di questo tipo, ma è tempo di riconoscere che questo comportamento è nocivo. Occorre anche affrontare i problemi direttamente: la false fame nasconde un problema ed i prodotti alimentari vengono a riempire una necessità che non è fisiologica: mancanza d'affetto, solitudine, stress di lavo, d'amore, ecc. esistono mezzi più sani per riempire queste necessità, ad esempio passeggiare dieci minuti, fare sport, chiamare un amico, fare un bagno caldo, ballare ecc.